E’ morto Carl Elsener, Mr.Victorinox

carl-elsener-mr-victorinox

Il coltellino svizzero è il gadget per antonomasia, un oggetto multifunzione che può tornare utile in moltissime occasioni e per fare veramente di tutto.
E’ nato verso la fine del’800 come strumento da dare in dotazione all’esercito svizzero e da li ha avuto una lenta e costante crescita che lo ha portato a diventare un oggetto conosciuto (e spesso posseduto) in ogni angolo del mondo.
I marchi storici che lo producono sono due, il principale è la Victorinox che controlla anche il secondo, la Wenger. Il celebre coltellino rosso con lo scudo svizzero è stato creato da Carl Elsner, nonno di Carl Elsner III che nei 60 anni passati alla guida della Victorinox ha trasformato il marchio in un colosso mondiale e fatto entrare il coltellino nella leggenda.
Il suo è stato definito un vero impero industriale tant’è che i suoi concittadini lo chiamavano “Carl III“, nome che si addice ad un sovrano.
Purtroppo è di ieri la notizia che Carl III si è spento alla venerabile età di 90 anni, quasi tutti passati a portare avanti l’azienda di famiglia creata dal nonno, portata avanti dal padre e da lui consacrata e portata al definitivo successo.
La sua scomparsa colpisce non solo una nazione ma anche tutti coloro hanno posseduto almeno uno dei suoi coltellini, tuttavia non preoccupa la sopravvivenza e la continuazione del marchio.
Difatti come la storia della Victorinox ci ha mostrato c’è sempre un figlio pronto a subentrare al padre, e Carl III era un uomo pieno di “risorse” proprio come i suoi coltellini e aveva ben 11 figli pronti a prendere il suo posto.
Difatti dal 2007 la Victorinox è sapientemente guidata dal suo primogenito che sembra aver ereditato non solo l’azienda ma anche le capacità imprenditoriali del padre.
Come si chiama il figlio? Ovviamente Carl, Carl IV.