GameStick, la nuova mini console open-source

Anche il settore dei videogiochi ha subito gli effetti della crisi, tuttavia non tutto il mondo videoludico ha sofferto in questo periodo, difatti i giochi Indie non solo hanno tenuto molto bene, ma in certi caso hanno fatto registrare cifre da capogiro facendo quasi da traino per il settore.

Questo ha portato anche a credere in progetti come OUYA, la mini console basata su Android che ha registrato un successo clamoroso su Kickstarter e che ora vive le sue prime fasi di commercializzazione verso i primi grandi sostenitori.

Sull’onda del suo successo è già nato un secondo progetto di console casalinga, si chiama GameStick e avrà dimensioni da record.
E’ grande poco più di una chiavetta USB e si collegherà all’interno di uno speciale controller dotato di un alloggiamento per la console.

Il controller è ancora in fase di sviluppo, quindi la forma non è ancora definitiva, invece si sa come si connetterà alla TV, grazie alla tecnologia Bluetooth e  uno speciale modulo da collegare a un ingresso HDMI del televisore.

Come OUYA anche GameStick si affida a Kickstarter per la raccolta fondi, che è già partita da pochi giorni.
Vige anche la stessa filosofia, quindi sarà una console open source basata su Android Jelly Bean dove chiunque potrà sviluppare senza alcuna restrizione.
Il sistema operativo invece garantirà una base di app e giochi che sarà sicuramente fondamentale almeno nel primo periodo, quando i progetti specifici per queste piattaforme saranno pochissimi.

Le caratteristiche tecniche annunciate, e che difficilmente subiranno modifiche sensibili, sono un processore ARM Cortex-A9,  inferiore al Tegra 3 dell’OUYA ma necessario per tenere bassi i costi e i consumi, il modulo WiFi, 1 GB di RAM DDR3 e 8GB di flash drive.

Altro particolare molto interessante sarà il supporto a periferiche esterne come mouse e tastiera, che renderà la console decisamente molto versatile.

La raccolta fondi sembra solo un formalità visto che in pochissimo tempo ha quasi raggiunto la cifra necessaria alla realizzazione del progetto, che secondo le stime dovrebbe essere in vendita ad Aprile ad un prezzo di 79 Dollari.