Super “Real” Mario

L’evoluzione tecnologica delle console ha influenzato il design di Super Mario, che col passare degli anni e con l’aggiungersi dei bit è apparso sempre più nitido e definito.

Tuttavia le sue fattezze non sono mai cambiate, e come da stile Nintendo ha mantenuto quell’aspetto da cartoon che lo rende inconfondibile da quasi 30 anni.

Oggi però abbiamo a disposizione console che permettono un realismo ben superiore al mondo colorato e fantasioso di Super Mario, quindi potremmo giocare anche con un Mario molto più realistico.

La Nintendo (più che giustamente) si guarda bene dal rovinare la sua mascotte, ma non è della stessa idea un artista di nome Mike Meth, che ha realizzato uno spettacolare dipinto.

Capisco che molti fan rimarranno sbigottiti, ma la qualità è altissima e dovete ammettere che è stilisticamente ben fatto, poi si può discutere sul soggetto.

Scopriamo così un Mario molto più “idraulico” di quello che conosciamo, un omaccione muscoloso di mezza età, peloso, con qualche ruga e dall’aspetto molto rude.

In testa il cappellino “aziendale” della Mario Bros Flumbing Co. rigorosamente rosso, un tatuaggio a cuore con il nome di Peach sul bicipite e un’inguardabile stuzzicadenti in bocca.

Se qualcuno si chiedeva perché la Nintendo in tutti questi hanni ha lasciato inalterato lo stile di Mario, credo che qui abbia trovato la risposta.